Interventi di pianificazione attuativa in ambiti vincolati

1 giugno 2007
+

Risorse

Piani attuativi e nulla osta ambientale
Avv. Lorenzo Spallino
14 aprile 2007


Numerosissimi sono, in regione Lombardia, gli ambiti territoriali che per le loro caratteristiche storiche ed ambientali sono oggetto di vincoli ambientali e culturali, automatici come specifici. È proprio con riferimento a queste porzioni di territorio - si pensi soltanto ai laghi lombardi - che emerge sempre più spesso dalle cronache quotidiane il clamore sollevato da interventi licenziati dalle amministrazioni comunali in variante agli strumenti urbanistici vigenti. Gli unici - a detta dei sindaci - che possano essere realizzati in attesa dei Piani di Governo del Territorio. Gli unici - a detta di molti - che proprio perchè in variante non dovrebbe essere consentiti, ma che in realtà trovano un sorta di corsia preferenziale in ragione di immediati vantaggi economici per le casse comunali. Assente la tutela urbanistica, che la possibilità di ricorrere all'istituto della variante accelerata consente di bypassare, resta la tutela ambientale. O, almeno, resterebbe, se la Soprintendenza non fosse generalmente portata a conoscenza dei contenuti progettuali soltanto in fase di realizzazione, e quindi con riferimento a previsioni per così dire di dettaglio. Ma la normativa vincolistica a tutela dei beni culturali-paesaggistici-architettonici prevede due moduli di valutazione degli interventi: uno che ha per oggetto i singoli interventi e uno, spesso dimenticato, che ha per oggetto la pianificazione attuativa dello strumento urbanistico generale.

Continua su www.studiospallino.it
+

Risorse

NEWSLETTER